Materiali di qualita vs.fattore umano – Viadent

Ortopantomografia dentale

Prima visita del paziente nello studio dentistico.

Controllo diagnostico effettuato, elaborato il programma di terapia, rimane da formare l’offerta e dare spiegazioni dettagliate riguardo alla terapia necessaria.

Il paziente: ˝Dottore, questi impianti che usate, sono in titanio? ˝

(Lo conoscete il detto: se per ogni volta che ho sentito questa domanda mi avessero dato un soldo, sarei un uomo ricco!”)
Dentista: ˝Certo che lo sono, tutti gli impianti sono in titanio.”

(OK, precisiamo, al 99.5% sono fatti di titanio, qualcosa viene fatto da materiali in zircone. Questa precisazione é piu per i miei colleghi cosicché non mi prendano in giro  )
Pausa. Ehm. Ehm.

Il paziente: “E la ceramica del ponte, mi dica, com’é sta ceramica dottore?”

Dentista: ˝Eccezionale, mai stata migliore, grazie della domanda.˝

Il paziente: “A bravo, bravo, mi fa proprio piacere sentirlo. Bianca, eh, non é vero? ˝

Dentista: ˝Come di un giovincello! La ringiovanisce di venti-trent’anni, garantito!”

Il paziente:˝E altro che, ho visto subito io che voi avete uno studio moderno. Ė il progresso questo!˝

D’accordo, abbiamo scherzato un pochino. Quotidianamente ci vengono poste domande dai pazienti riguardo al tipo di impianti, la qualità di ceramica, dei materiali di riempimento, ecc. che utilizziamo nel nostro lavoro.
La vostra preoccupazione é comprensibile, ovvio che volete vi venga dato lo servizio migliore possibile, che il lavoro sia bello e duraturo il piú a lungo possibile. Per l’amor di Dio, si tratta dei vostri soldi e della vostra salute, cosa che noi assolutamente capiamo e rispettiamo.

Esistono differenze di prezzo e di qualità tra i materiali odontoiatrici?
Certamente, anche questo é un mercato come ogni altro. Quello che ulterioremente complica la storia é il fatto che uno stesso trattamento puó essere effettuato utilizzando gruppi di materiali stomatologici molto diversi tra di loro. Per es. la cementazione definitiva del ponte si puó eseguire usando i cementi compositi, cementazione in vetroionomerico, cemento al fosfato di zinco….

Ciascuno di questi cementi é messo sul mercato da diverse grandi compagnie, pertanto l’odontoiatra puó scegliere come minimo tra una ventina di materiali diversi per ogni procedimento. Questo vale anche per ogni forma di trattamento stomatologico.

Oggigiorno ai dentisti si offre una grande vastità di materiali e procedure diverse, quasi settimanalmente esce un nuovo prodotto che i rappresentanti ci offrono come fantastico, mai migliore, quello che stavamo aspettando da sempre, la soluzione a tutti i nostri problemi… E proprio adesso é un’imperdibile occasione …. Ė difficile essere saggi.

Personalmente, non ho mai incontrato un dentista che intenzionalmente, pur di risparmiare, ha scelto un materiale che potrebbe influire negativamente sulla durata del lavoro o sulla salute stessa del paziente.

Sinceramente, non credo che esistano dentisti del genere.

L’odontoiatra sceglie i materiali in base all’esperienza che ha sviluppato durante gli anni, all’esperienza dei colleghi con cui é in contatto, al livello dell’istruzione che possiede e alla propria capacità e volontà di accettare le novità.

L’introduzione di nuove tecniche di terapia e dei nuovi materiali richiede in genere una maggiore istruzione dell’odontoiatra e dei suoi assistenti ed uno sforzo maggiore per raggiungere l’obiettivo prefissato del trattamento.

Ogni trattamento ha un suo specifico protocollo di esecuzione, e se l’odontoiatra non lo esegue come da prassi, oppure semplicemente il materiale non é buono, succede che con il precedente metodo „sorpassato” otteneva resultati migliori che con la nuova tecnica il cui prezzo del materiale é addirittura diverse volte maggiore.

Per cui… non sta tutto nei soldi.

Certo che no, é importante sempre e soltanto l’esperienza e l’aggiornamento continuo dell’odontoiatra.

Ma allo stesso modo la soluzione non é quella di utilizzare per tutti gli anni lavorativi sempre lo stesso materiale “sorpassato” ed in tal modo offrire ai propri pazienti un servizio appartenente allo secolo scorso.

Allo stesso modo avremmo potuto tutti guidare ancora le macchine senza l’aria condizionata, perché qualcuno per colpa della stessa s’é preso il raffreddore.

Ma se questa persona ha regolato l’aria a 18°C, mentre fuori ci sono i piacevoli 34°C, per forza che si ammala! Cosi succede anche qui. Conta l’esperienza ed una continua istruzione.

A Voi, cari nostri pazienti, non rimane altro che riporre la vostra fiducia nell’odontoiatra e sperare che sia riuscito nell’intento di scegliere ottimi materiali stomatologici e ad applicarli nel modo corretto in modo che il lavoro fatto a voi possa durare ancora molti anni.

Cordialmente vostro

Msc. Juraj Prpić dr.dent.med.

Pin It on Pinterest

Share This