Garanzia a vita sui impianti dentali – Viadent

Ortopantomografia dentale

Salve a tutti

Attualmente, a proposito dell’attività degli studi odontoiatrici sul mercato aperto (non intendo gli ambulatori inclusi nel sistema sanitario nazionale oppure “semi-privati” con un contratto con Servizio sIn questo articolo vorrei toccare un argomento molto sensibile nel mondo dell’odontoiatria. anitario nazionale perché operano secondo alcuni altri principi) ci sono molti annunci, pubblicazioni e sim. con cui si vuole attrarre nuovi pazienti, offrendo una GARANZIA A VITA SUI IMPIANTI DENTALI INTEGRATI. Naturalmente, l’obiettivo è di convincere il paziente che proprio in quello studio vengono integrati assolutamente i migliori impianti, in super titanio tre volte temprato, e unicamente di origine tedesca che semplicemente non hanno alcuna possibilità di poter mai, ma proprio mai muoversi, e Dio non voglia che provochino qualsiasi dolore e a causa di un’infiammazione cadano dalla bocca. E’ tutto ok, è l’essenza del marketing per mostrare il volto migliore del prodotto, e poi, in una nota in calce al minuscolo, si rivela comunque la realtà un po’ diversa.

Per prima, approfondiamo il significato di questo motto. GARANZIA A VITA.

Che cosa vuol dire? Si riferisce al paziente, al medico che imposta l’impianto, all’esistenza dello studio o della S.r.l. dove viene eseguita l’operazione, all’esistenza della società che ha venduto l’impianto allo studio o all’azienda stessa che ha prodotto l’impianto stesso? Ops, già dubbi, non è vero?

Come mai un medico qualsiasi può essere sicuro che la società produttrice dell’impianto sarà in funzione tra 34 anni, 3 mesi e 2 giorni a partire da oggi, quando sorgeranno problemi con il vostro impianto? A pensarci meglio, sarà in funzione il medico stesso? Quanto a me, ho certi dubbi, e ho 41 anno, si direbbe un uomo relativamente giovane. Personalmente, non opterei mai per un prodotto o un servizio, o un ente, perché offre una garanzia a vita. Beh, non voglio comprare una pentola o un set di coltelli sapendo in anticipo che devo usarla fino alla fine, solo perché durerà tanto.

Proseguiamo un po’. Considerando un gran numero di casi in cui vi è l’infiammazione dell’osso e dei tessuti molli attorno agli impianti dentali (professionalmente parlando mucositi peri-implantari e / o perimplantite) dopo la rimozione dell’impianto e del tessuto infiammatorio, nella mascella rimane un difetto che guarisce molto raramente da solo in modo che si possa impostare l’impianto nella stessa posizione. Sia che l’impianto debba essere impostato in un’altra posizione (può svolgere la stessa funzione come prima?), sia che il difetto debba essere ricostruito utilizzando un osseo artificiale, una membrana di collagene, la ricostruzione dei tessuti molli utilizzando innesti gengivali e così via. Talvolta, anche con la migliore volontà ed enorme sforzo di team odontoiatrico, non è proprio possibile farlo, in modo che il risultato sia stabile per un periodo più lungo.

Ora un po’ di cambiamenti nel nostro corpo. L’infiammazione intorno all’impianto si presenta, in breve, grazie ai fattori di rischio. Questi sono principalmente: predisposizione genetica alla periodontite, il fumo, il diabete, e come il rischio maggiore, cattiva igiene orale. In tutti i siti, annunci, ecc . , c’è una nota in calce che la garanzia è valida se il paziente viene almeno 2 volte l’anno allo studio per una pulizia professionale dei denti (che è facile da controllare esaminando il fascicolo sanitario del paziente) e se esegue corretta igiene orale che comprende la pulizia approfondita delle arcate dentali, utilizzo di pennello interdentale, di filo interdentale, di superfloss, ecc. (che non è così facile da controllare). Come inserire nell’equazione di una garanzia a vita la successiva insorgenza di malattia parodontale, del diabete, del bisogno di trattamento con bifosfonati e simili?

In ogni caso, l’obiettivo del presente articolo non è di farvi allontanare dal vostro dentista scelto o dall’impostazione degli impianti dentali. Per ora, questo è assolutamente il modo fantastico altresì migliore per sostituire i denti mancanti. Quotidianamente propongo e implemento un tale metodo di riabilitazione per i miei pazienti. Infatti, è possibile fare ritornare il sorriso sul volto del paziente utilizzando l’impostazione degli impianti dentali. Lo scopo dell’articolo è spiegare almeno alcuni potenziali problemi che possono verificarsi durante e dopo l’impostazione degli impianti dentali. In un certo senso, voi e il vostro dentista diventate partner con l’obiettivo di utilizzare i controlli e la qualità dell’igiene orale perché gli impianti vi possano servire il più a lungo possibile, e perché no, anche fino alla fine della vostra vita.

Anch’io ho tre impianti dentali e spero che mi serviranno per tutta la mia vita.

Come avrete notato, la mia opinione è che una garanzia a vita, come il termine, non ha una realtà in qualsiasi segmento o forma, e certamente non in una materia così complessa come l’impostazione di impianti dentali. Credo, infatti, che tale frase sia forzatamente imposta ai dentisti dai vari guru del marketing e i principali produttori mondiali di impianti dentali che stanno cercando, e purtroppo anche riescono ad applicare gli stessi principi di marketing come, diciamo, per la pubblicità di un set di utensili da cucina Solingen.

Garanzia a vita su impianti dentali? Su, ragazzi, siamo seri!

Nel prossimo articolo mi soffermerò su ciò che provoca l’infiammazione e la perdita degli impianti dentali, altresì del modo per prevenire l’infiammazione e permettere al nostro impianto dentale una vita più lunga e più sana.

Cordialmente, vostro

Juraj Prpić, dr.dent.med. /laureato in odontoiatria/

Pin It on Pinterest

Share This